La Maison

Storia di Chopard


Louis-Ulysse Chopard

Figlio di un agricoltore di Sonvilier, Louis-Ulysse Chopard aveva appena 24 anni quando riuscì a conquistare rapidamente la Svizzera e il mondo. Questo orologiaio artigiano creò opere d'arte dal design innovativo, che ben presto iniziò ad esportare in luoghi prestigiosi, come la corte dello zar Nicola II di Russia. Già nel XIX secolo le qualità come precisione e affidabilità erano caratteristiche molto ricercate negli orologi. Con cronometri e orologi da tasca esclusivi, Louis-Ulysse Chopard ambiva a soddisfare e persino a superare queste aspettative.

Gli orologi del XIX secolo di Chopard

Gli straordinari segnatempo di Chopard contribuirono a creare per i prodotti svizzeri una fama di affidabilità e qualità. Ben presto Chopard si aggiudicò due prestigiosi incarichi, diventando il fornitore ufficiale di orologi per

L'essenza svizzera racchiusa a Sonvilier

Sonvilier è un tipico paese di agricoltori, ubicato nella parte svizzera delle montagne del Giura, che vanta una ricca eredità nel campo dell'orologeria. Durante l'età d'oro, nel solo comune di Sonvilier vi erano circa 15 orologiai indipendenti. Sin dall'inizio Chopard si mise in mostra come l'artigiano che produceva orologi in grado di rispondere ai massimi standard esistenti in termini di qualità e precisione.

Dal Giura svizzero a Ginevra

Il passaggio di Chopard nelle mani di Paul-Louis, figlio di Louis-Ulysse, portò con sé una ventata di cambiamento nell'attività di famiglia. Nel 1937, desiderando avvicinare l'azienda ad una clientela più cosmopolita, Paul-Louis prese la lungimirante decisione di spostare Chopard a Ginevra, riconosciuta in tutto il mondo come la capitale dell'Alta Orologeria. Chopard divenne dunque famosa per la produzione di orologi straordinariamente precisi e dotati di grande ricercatezza in campo tecnico.

Paul André Chopard

Con Paul-André subentrò la terza generazione di Chopard. Dopo i floridi anni trascorsi sotto la guida di Paul-Louis e Louis-Ulysse, l'azienda dovette affrontare una serie di sfide. Giunto all'età di 70 anni, Paul-André si mise in cerca di un acquirente per Chopard, dato che nessuno dei figli era interessato a proseguire l'attività. Fu allora che incontrò Karl Scheufele III, proprietario dell'azienda tedesca produttrice di orologi e gioielli denominata Eszeha, con cui capì di condividere interessi analoghi e la passione per l'artigianato di qualità e la creatività.

La società Karl Scheufele e l'acquisizione di Chopard

Fondata da Karl Scheufele I nel 1904, la società omonima produceva gioielli e orologi a Pforzheim, cittadina tedesca famosa come la

Karl Scheufele III e la moglie Karin

Con l'acquisizione di Chopard, Karl Scheufele III, discendente di una dinastia di orologiai e gioiellieri di Pforzheim (Germania), realizzò il desiderio del padre e del nonno di rilevare un'azienda produttrice svizzera. Karl desiderava liberarsi della dipendenza dal fornitore ginevrino di movimenti grezzi, che riforniva anche Eszeha.

Gli eredi della famiglia Scheufele

Chopard è una delle ultime aziende di orologeria e gioielleria a conduzione familiare. Dagli anni '80 i figli di Karl e Karin, Caroline e Karl-Friedrich, svolgono un ruolo attivo all'interno della società, di cui sono attualmente copresidenti. Dando entrambi prova di autonomia, Caroline Scheufele è responsabile delle collezioni donna ed ha sviluppato il comparto gioielleria e successivamente l'alta gioielleria, mentre il fratello Karl-Friedrich, incaricato delle collezioni uomo, si è occupato negli anni '80 dello sviluppo degli orologi sportivi e negli anni '90 della Manifattura Chopard di Fleurier, che produce i movimenti L.U.C.