Un savoir-faire che ha il sapore delle emozioni

Condividi
Linkedin

Quando l’impossibile non è contemplato e si vogliono realizzare orologi e parure di Haute Joaillerie mirando alla perfezione, non vi è altra scelta che dominare l’intero processo creativo e produttivo, dalla A alla Z. Questa era il volere dei Co-Presidenti della Maison Chopard, Caroline e Karl-Friedrich Scheufele (e prim’ancora dei loro genitori), quando sviluppavano progressivamente i laboratori, integrando tutti i savoir-faire necessari per ottenere l’eccellenza: fusione dell’oro, incastonatura, decorazione dei movimenti, incisione delle casse, senza dimenticare i laboratori dove si realizzano le grandi complicazioni.

Visitando i laboratori di Haute Joaillerie della Maison, si scoprono le varie fasi di creazione delle parure più belle. Tutto inizia con un bozzetto (detto guaché nel gergo della gioielleria), poi si passa alla costruzione in 3D, alla scultura, alla realizzazione del gioiello e, infine, alle operazioni di incastonatura. La selezione delle pietre preziose, anch'essa una fase fondamentale, è il territorio di Caroline Scheufele, appassionata di gemme sin dall’infanzia. La Co-presidente è sempre alla ricerca di quelle più belle, più rare, più misteriose, che le stanno più a cuore, che le trasmettono emozioni e che la ispirano.

Nella Manifattura di orologeria, il savoir-faire degli Artigiani che vi lavorano non teme confronti: è qui che si assembla il celebre L.U.C Full Strike, la ripetizione minuti con timbri di cristallo, e i tourbillon della Maison, oltre alle numerose complicazioni in cui Chopard eccelle.

Chopard Manufacture è nata nel 1996 a Fleurier, nel Val-de-Travers, ed è il simbolo di una lunga storia, quella del sogno di Karl-Friedrich Scheufele divenuto realtà. Il Co-presidente di Chopard aspirava a un autentico ritorno alle fonti dell’orologeria e del fondatore della Maison, Louis-Ulysse Chopard, tra le montagne della regione di Neuchâtel, a Fleurier. Un luogo dove si sarebbe lavorato secondo la più pura tradizione del settore ma con l’ausilio dei moderni strumenti. Nei laboratori, dai quali si gode di una vista mozzafiato sulle montagne circostanti, sono raggruppati tutti i mestieri dell’orologeria: stampaggio, decorazione, assemblaggio, laboratorio grandi complicazioni, ecc. Karl-Friedrich Scheufele, che desiderava far rivivere una tradizione dimenticata, ha permesso a un’artista di formarsi all’incisione secondo la tecnica di Fleurier e l’ha invitata a decorare alcuni movimenti con delicati motivi floreali e ornamentali; l’incisione delle casse, invece, è realizzata a Ginevra.

A Fleurier, sotto le travi che ricordano una navata rovesciata o un vascello per viaggiare nel tempo e nello spazio, sorge il museo dedicato alla storia del tempo: il L.U.Ceum.
Perché in definitiva, è di questo che si tratta: il tempo. Il tempo che scorre, il tempo misurato, il tempo necessario per realizzare gli orologi più straordinari e le parure più incantevoli e il tempo che ha permesso a Chopard di iscrivere il proprio nome nel Pantheon dei fabbricanti di orologi e gioielli di oggi e di domani.


Per la prima volta, Chopard ha deciso di aprire le porte dei suoi Laboratori di orologeria e gioielleria e di mettere i suoi Artigiani sotto le luci della ribalta. Con un mix di umiltà e di fierezza per il lavoro ben fatto, questi uomini e queste donne di carattere rivelano il segreto del loro savoir-faire, svelando la dimensione straordinaria del loro approccio artistico e del loro talento. Cuore pulsante dei Laboratori della Maison, queste “Mani d’Arte” creano le Emozioni all’origine della fama di Chopard, una Maison riconosciuta per il suo lavoro a regola d’arte, la sua innovazione e il rispetto delle tradizioni.

Scopri di più
Torna al blog