Creazioni Chopard presenti nel film "Rocketman"

Condividi
Linkedin

Chopard e il cinema sono impegnati in una storia d'amore perennemente rinnovata. Nel suo ruolo di gioielliere dei red carpet di tutto il mondo, la Maison ama abbellire attrici e attori con le sue creazioni, per le apparizioni in occasione delle première dei loro film o per servizi fotografici. Nel film "Rocketman" della Paramount Pictures, Chopard dà un tocco davvero speciale al look dell'attore gallese Taron Egerton prestandogli orologi e gioielli per la sua interpretazione di Elton John.

Chopard ed Elton John: decenni di amicizia

L'adattamento cinematografico di questa straordinaria traiettoria emotiva sembrava fatto apposta per appassionare Caroline Scheufele, amica personale di Elton John. Nella pellicola, che ripercorre abilmente lo sviluppo dello stile personale creato dal cantante all'inizio della carriera, l'artista (interpretato dall'attore britannico Taron Egerton) in molte scene indossa creazioni della Maison, come quelle appartenenti alle sue collezioni di gioielleria Happy Hearts, Happy Diamonds e Happy Spirit, di orologi Happy Sport nonché opulenti modelli della gamma di alta gioielleria Animal World. Scintillanti opere d'arte, scelte per rappresentare la stravaganza del genio del pop, noto per il look originale ed eccentrico adottato dopo gli introversi anni dell'infanzia, che riflettono i cambiamenti dello stile di vita dell'artista in seguito alla sua irresistibile ascesa verso il successo e il suo ingresso nel mondo del lusso. Anche i genitori di Elton John, interpretati da Bryce Dallas Howard e Steven Mackintosh, indossano creazioni della Maison.

Negli archivi di Chopard sono presenti vari eccezionali modelli appositamente commissionati da Sir Elton John, un amico della Maison. La nota attività filantropica della Maison include molti anni di sostegno alla Elton John AIDS Foundation (EJAF). Questi stretti legami spiegano la partecipazione di Chopard a questo lavoro cinematografico che rende omaggio a una delle maggiori icone della cultura pop.

Torna al blog